Estraneità a noi stessi, estraneità totale e … dolce, voce d’uno sconosciuto desiderio, inquietante, lontana eppure risuona dentro, è la notte stessa che canta.