Vai ai contenuti

IL RAGGIO VERDE

DI ROBERTO CORCHIA

Archivio

Tag: dove

“(…) le basi umanistiche della nostra convivenza sono state generate in larga misura dalla fede cristiana. E’ possibile custodire quelle basi, nei loro contenuti morali e giuridici, ignorando o emarginando dalla vita civile e dalla discussione pubblica quella fede stessa?
Fortunatamente, specialmente in Italia, le nostre fondamentali regole giuridiche risentono ancora di quelle radici e vivono ancora di esse, almeno in una certa misura. Tuttavia quella base va progressivamente erodendosi nella mente di tanti. Penso che questa situazione – permanenza di istituti giuridici generati dall’idea cristiana di persona ed erosione nella coscienza di molti di quell’idea – non possa durare a lungo.
Ci potranno salvare dalla disgregazione – destino di una società fatta da stranieri morali – regole meramente procedurali condivise? Vorrei allora dirvi (…): ricominciamo a guardare con occhi puri la realtà: radichiamoci consapevolmente nella Tradizione cristiana”.

Mons. Carlo Caffarra

Musica che non si ascolta, vita che non si padroneggia, amore che non si fa, pur facendosi… Metafore ancora, infinite, di una condizione eccezionale. Nessun lutto, perché non si perde nulla; eppure c’è una terribile nostalgia. Attuale domanda soddisfatta e insieme irrisolta – insieme, impossibile da risolvere… C’è turbinio nell’aria, ma il soggetto non c’è. Non c’è chi turbina. Così ci troviamo. Il vento ci farebbe comodo, faciliterebbe il problema. Basta un sostantivo agli umani. Invece siamo sospesi… Anche la poesia può solo mancare il punto, solo così essere poesia. Voce di un’assenza. Concreto esserci di quella voce. Poesia… Il poeta non c’è. E’come il turbinio… Dove nascono dunque le parole?

(by r.c.)

Non è cosa facile non sapere, leggere tanto e non imparare, non imparare nulla; restare lontani da ogni acquisizione, perché le parole si facciano breccia dentro di noi, sempre nuove. E’ come frequentare territori sconosciuti dove, per ciò che ne sappiamo, possono anche aggirarsi le fate… Niente di più leggero.
r.c.

Dove esistono le cose

Dic 7
Senza categoria

Cosa crediamo? Che le cose siano lontane, in se stesse? Le cose sono nei discorsi che ne facciamo … e se sono in sé, noi non sappiamo come. Le conosciamo solo così come sono formate dai discorsi, per noi non esistono che così.
Lettura di Foucault stasera nella Biblioteca A.Corchia di Otranto