Vai ai contenuti

IL RAGGIO VERDE

DI ROBERTO CORCHIA

Archivio

Categoria: Argomenti vari

Si vuol togliere il paradiso e la sua strada, la via dell’innamoramento, della battaglia e delle imprese intelligenti, forti – vigore e gioia del verso riuscito o dell’invenzione e della scoperta. Si dice che non si può vivere in tal modo, bisogna lasciarsi andare, non c’è nessuna meta e nessun obiettivo, non ne vale la pena, per quello che aspetta gli umani. Dimenticare dunque Sant’Agostino e Dante, appiattirsi su una mentalità globale, universale, apparentemente scientifica, tecnocratica, per professionisti della normalità…

continua…

Ansia, depressione, anoressia-bulimia, somatizzazione, fuori dalle categorie socio-sanitarie, indicano un percorso che ha da compiersi, un bisogno d’aria e di intelligenza; una ristrettezza delle condizioni attuali, culturali, civili, per l’espressione della propria particolarità e specificità. Il disagio, dunque, non è da intendere come male da curare, ma  come segnale di una qualità che si affaccia. Ciò è da indagare, con dispositivi di incontro, conversazione, lettura; con la forza che non si esaurisce (come ci vorrebbero far credere), perché nulla ha a che vedere con il modello energetistico, tanto in voga. Proprio questo lavoro è presente nei raffinati studi pubblicati dall’équipe di Spirali (http://www.spirali.com/).

continua…

In tanti casi, il disagio viene rappresentato, trattato attraverso lo psicofarmaco e avviato all’emarginazione. Così non si dà alcuna strada, anche con le migliori intenzioni.

Altre volte ci si affida alla droga, in una escalation di sostanza in sostanza. E nascono raggruppamenti intorno alla droga stessa: le famigerate compagnie.

continua…

Ci sono parole che mettono in moto lo spazio. Grazie a esse, la visione intellettuale (come l’appellava Teresa D’Avila) si slarga, intuendo panorami impensati, itinerari inauditi – laddove il pensiero abitudinario vede solo porte chiuse.

continua…

Un altro concetto di salute, che ha a che fare con il ritmo, una medicina attenta, tollerante, che ascolta, vengono fuori dalla lettura dei testi delle edizioni Spirali dedicati alla scienza della vita. Discutendo ogni sera alcune pagine di Duesberg, Koehnlein, Mhlongo, Rasnick, Verdiglione e altri, si ha un approccio completamente nuovo alla questione del cosiddetto benessere, e si intende quanto di ideologico e poco scientifico vi sia nella vulgata mediatica. Queste e altre scoperte stiamo facendo nel gruppo di lavoro che si riunisce presso la Biblioteca A.Corchia sita nel centro antico affacciato sul mare di Otranto.

continua…

Era gettato in uno stato di entusiasmo estremo all’ascolto del Verbum caro e così si trovava a volare su case, alberi, campi, finché quello stato, così come era iniziato, terminava ed egli si ritrovava a terra disperato e piangente. … E’ Giuseppe da Copertino nell’affresco che ci ha lasciato Carmelo Bene.

Incontri di lettura della Biblioteca A.Corchia

Altro che liberazione sessuale, per Foucault! La sessualità è un’invenzione moderna grazie alla quale di più si afferma il controllo sui corpi che sono costretti a dire la verità e a inserirsi in categorie normali o diverse, o anche patologiche (a queste ultime penseranno poi la psichiatria e la psicanalisi).
Lettura su Michel Foucault questa sera in Biblioteca