L’esilio continua, e così la scrittura. Non si attenua la disperazione – ciò che non esclude momenti di trasporto. Molto resta da capire, da analizzare, molto deve lasciarsi aperto e non ridursi a una qualsiasi comprensione, molto ha da restare alla poesia, alla sua vita vasta… Domani, senza pregiudizio, c’è da inventare un altro giorno.

by r.c.